Mr.PièR oltre le band musica Sassari

La musica a Sassari oltre le band: intervista all'artista indipendente "Mr.PièR"

Il musicista/cantautore/producer/compositore da ormai diversi anni propone il proprio stile e le proprie creazioni in diversi settori della musica e non solo

13/05/2016 14:36:00
Alberto Campus
Reporter Gold
47 Eventi pubblicati 2 Notizie pubblicate

La redazione di SassariEventi24 ha il piacere di rivolgere qualche domanda al musicista/cantautore/compositore Pier Piras, in arte “Mr.PièR” che ringraziamo per la disponibilità e il grande entusiasmo con il quale ha risposto alle nostre domande che proponiamo di seguito ai nostri lettori:

Com’è nata la tua passione per la musica?

Da bambino ascoltavo continuamente le musiche dei film e le sigle dei cartoni animati.

Mi colpivano tantissimo e mi ritrovavo continuamente a canticchiarle perfino quando giocavo! All’età di 11 anni andai in vacanza a Genova con la mia famiglia, mio padre comprò una tastiera di fascia economica che sembrava proprio un giocattolo, ma ricordo ancora l’emozione che mi diede quando per la prima volta la collegai al computer: potevo finalmente giocare e divertirmi con quei suoni che tanto apprezzavo! Da quel momento in poi iniziai ad esprimermi attraverso la musica con i miei primi goffi tentativi di composizione musicale. Arrivò poi la chitarra, che mi fece appassionare alle rockband e alla musica leggera. Cominciai a militare nelle prime band come cantante/chitarrista finché non presi fra le mani il basso elettrico che mi stregò in maniera assoluta, diventando il mio strumento definitivo.

Il tuo percorso ha visto susseguirsi svariati contesti, spesso molto diversi fra loro.Quali sono quelli a cui ti senti più legato?

Alternandomi fra le figure di musicista/cantautore e producer/compositore, sicuramente uno dei ricordi più belli è la vittoria del festival nazionale ”Arezzo Wave”. Grazie alla band “White Sunset” ho vissuto tante esperienze che ancora oggi porto nel cuore come le aperture dei concerti con artisti di fama nazionale quali Ligabue, Valerio Scanu, Marta sui Tubi per citarne alcuni, le collaborazioni con le band Bad Sweeties e Sweet Bye Bye che mi hanno dato moltissimo in termini di emozione sul palco. Le ultime soddisfazioni sono arrivate attraverso un festival cinematografico, il premio mi ha consentito di salire sul Red Carpet e di conoscere alcune fra le figure più rilevanti nel panorama del cinema e della televisione italiana.

Quali sono attualmente i progetti nei quali sei coinvolto?

La lista è un po’ lunga! Ultimamente mi sto dedicando parecchio alle musiche per i media attraverso corti cinematografici,pubblicità, videogiochi, video-corsi e cose di questo tipo. Realizzo spesso le musiche per i video di Fry J. Apocaloso,uno dei primissimi “YouTuber” a livello nazionale con il quale recentemente ci siamo aggiudicati il premio “Migliorcorto di animazione” al VideoFestival Imperia (festival internazionale di video digitali) grazie al suo “Little Barber Shop of Horrors” per cui ho prodotto e composto le musiche.

Tuttavia, i miei progetti discografici prevalenti sono: “Minako & Mr.PièR”, duo elettro-pop formato da me e dalla mia amica e super cantante Marta Pedoni (Amici, X-Factor e recentemente concorrente del programma The Voice), grazie al quale abbiamo già realizzato tre video-clip ufficiali diretti dal mio amico di vecchia data e regista Gianpaolo Stangoni, e quasi ultimato il nostro primo album interamente autoprodotto di cui siamo autori e compositori. Per quanto riguarda l’attività live invece, suono regolarmente con il gruppo etno-pop “Etnias” che mi permette ormai da quattro anni di suonare in ogni zona della nostra fantastica isola.

Per quanto riguarda altri contesti lavoro per lo più come turnista in diverse situazioni sparse per l’isola e continuo a collaborare e suonare con musicisti che stimo e rispetto sia umanamente che professionalmente (requisiti fondamentali!) senza pormi limiti di genere musicale di alcun tipo.

Quali sono i tuoi interessi oltre la musica?

Questa è una bella domanda! I miei principali interessi esterni, ma in qualche modo attinenti anche in ambito musicale, sono il music marketing/business e in generale tutto il mondo digitale legato al web, ai social media e alle nuove tecnologie. Aggiungerei anche il disegno, passione che coltivo in privato; prima di fare musica il mio sogno nel cassetto era quello di fare il fumettista e chissà,magari un giorno riuscirò a combinare qualcosina anche in quel settore, mai dire mai!

5. Infine una domanda riguardante la nostra città: come vedi la situazione musicale nel sassarese?

Talento,ce n’è a bizzeffe! In questa città ho sentito musicisti, band, MCs, Dj ed artisti in generale che non hanno niente da invidiare a professionisti rinomati in tutto il mondo.

Nonostante ciò c’è una cosa che dal mio punto di vista rappresenta un grosso limite per la scena musicale di questa città: quello che io definisco il “razzismo musicale”. Più o meno tutti, da ragazzini alle prime armi, abbiamo passato la cosi detta fase dove tutto quello che non era suonato e prodotto da noi stessi veniva definito come “brutto”

Purtroppo mi capita ancora di sentire discussioni e diatribe in cui alcuni musicisti dotati di immenso talento ed esperienza denigrano e sminuiscono tutto ciò che non gli va a genio per il puro gusto di farlo, per sentirsi più sicuri all’interno di un’isola dove lo spazio e poco e le sfide per avere un piccolo spazio in cui affermarsi sono all’ordine del giorno. Sarebbe bello se un giorno ci fossero più collaborazioni e meno competizioni(quelle non definibili “sane”, ovviamente), anche perché non è finalizzata a nessun premio o trofeo ma soltanto una serie di possibilità non sfruttate per chissà quale motivo.

Tengo davvero a ringraziare il mio amico Alberto (con il quale, tra le altre cose, abbiamo suonato e condiviso un progetto insieme in passato) per questo spazio e auguro a tutta la redazione di Sassarieventi24 un “in bocca al lupo” per il grande lavoro che svolgete.